Ven. Ott 7th, 2022

Come si Vota

Le schede su cui si dovrà apporre il voto sono due:

  • una per la Camera dei deputati e
  • una per il Senato della Repubblica.

In particolare, una volta arrivati al seggio, agli elettori vengono consegnate due schede, una per la Camera ed una per il Senato. Su queste è riportato:

  • il nome del candidato nel collegio uninominale e,
  • per il collegio plurinominale, il contrassegno di ciascuna lista o i contrassegni delle liste in coalizione ad esso collegate.

Si vota mettendo un X sul nome del candidato/candidata preferiti o sul nome del partito preferito.

Ricordiamo che il sistema elettorale con cui si sceglierà il nuovo parlamento è il famoso e tanto discusso Rosatellum.

Accanto ai contrassegni delle liste sono stampati i nomi dei relativi candidati nel collegio plurinominale.

Si vota con queste regole:

  • il voto è espresso tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nomi dei candidati nel collegio plurinominale;
  • in questo modo il proprio voto è valido per l’elezione del candidato nel collegio uninominale e per la lista nel collegio plurinominale;
  • chi traccia la X solo sul nome del candidato non abbia paura, il proprio voto sarà associato alla lista collegata a quel candidato;
  • se l’elettore traccia un segno sul rettangolo contenente il nominativo del candidato del collegio uninominale e un segno sul sottostante rettangolo contenente il contrassegno della lista ed i nominativi dei candidati, il voto è comunque valido a favore sia del candidato uninominale sia della lista;
  • se l’elettore traccia un segno sul contrassegno e un segno sui nominativi dei candidati nel collegio plurinominale della lista medesima, il voto è considerato valido a favore sia della lista sia del candidato uninominale collegato;
  • se l’elettore traccia un segno sul rettangolo contenente il nominativo del candidato uninominale e un segno su un rettangolo contenente il contrassegno di una lista cui il candidato non sia collegato, il voto è nullo, in quanto per l’elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica non è previsto il voto disgiunto.
Please follow and like us:
Pin Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.