Gio. Feb 9th, 2023

Come siamo nati

🇮🇹 ITALIA SOVRANA E POPOLARE 🇮🇹

“𝙋𝙚𝙧𝙘𝙝𝙚́ 𝙣𝙤𝙣 𝙫𝙞 𝙪𝙣𝙞𝙩𝙚?” 𝙌𝙪𝙚𝙨𝙩𝙖 𝙚̀ 𝙡𝙖 𝙙𝙤𝙢𝙖𝙣𝙙𝙖 𝙖 𝙘𝙪𝙞 𝙖𝙗𝙗𝙞𝙖𝙢𝙤 𝙫𝙤𝙡𝙪𝙩𝙤 𝙧𝙞𝙨𝙥𝙤𝙣𝙙𝙚𝙧𝙚.

👉 Un processo aperto che non può e non deve essere una costituente partitica, ma qualcosa addirittura di più profondo, più solido e per questo anche di più lunga durata.

Quello che intendiamo fare è dare voce al dissenso, alla critica e ai tanti che non c’è la fanno più materialmente e moralmente a riconoscersi in questo modello di società.

🟢 Deve esser un processo che non avviene come un esperimento a freddo, sganciato dai processi reali dell’Italia di oggi, ma che sia immersa in essi, ne sia parte; senza chiusura nel rapporto con ciò che di avanzato o in fieri si muove nella società italiana e che su tali dinamiche cerchi di influire costruttivamente.

⚪ La questione fondamentale nell’attuale situazione del nostro Paese è quella di costruire quindi un fronte ed una unità politica e sociale costituzionale, su un programma minimo condiviso, ancorato appunto sulla Costituzione Repubblicana e sui temi cardine delle LIBERTÀ, tanto bistrattate durante il periodo del Covid e del green Pass;

del LAVORO e del RUOLO PUBBLICO dei settori principali della società (sanità, scuola, trasporti etc.);

🔴 All’attenzione rigorosa dell’ART.11 della Costituzione che RIPUDIA LA GUERRA. All’interno di questa cornice possiamo tutti operare convintamente a partire dalle nostre idealità che, in tal modo, non vengono abbandonate ma anzi vengono ancor di più valorizzate.

🟢 La nostra recente esperienza parte dalle mobilitazioni di piazza contro Draghi, la sua guerra ed il carovita che il 18 giugno ha portato in piazza migliaia di persone a Roma ed in altre 21 città, nel solco delle mobilitazioni degli ultimi due anni.

⚪ Un percorso che ha acquisito positività anche durante le votazioni dei grandi elettori al Quirinale, dove la nostra volontà di iniziale convergenza ha portato all’unione di 40 voti sulla candidatura nella fase finale e fondamentale di Nino Di Matteo, una grande figura di magistrato e di garante dei valori della Costituzione, che ha anche, ed in qualche modo, impedito la salita al Colle, mai così tanto agognata, del banchiere.

🔴 È stato un segnale importante e di grande visione politica di queste forze che hanno promosso tale iniziativa, a partire dal gruppo che successivamente al Senato si è richiamato all’Unità per la Costituzione assieme ad altri coraggiosi parlamentari. In sostanza la nostra azione deve essere DENTRO E FUORI IL PARLAMENTO e, più in generale, deve coinvolgere tutte le forze ed i soggetti che oggi esprimono contrarietà al coinvolgimento dell’Italia nella guerra della Nato e degli Stati Uniti contro la Russia, denunciando il ruolo subalterno e filoatlantico della UE, per farsi promotori, in punto di partenza e non di arrivo, di questa unità.

👉 Serve infine aprire al mondo del lavoro, alle nuove generazioni, ai più coraggiosi esponenti del mondo della cultura, dell’arte, dello sport e a tutti i recenti movimenti che variamente si possano riconoscere nel programma di attualità della Costituzione.

𝙁𝙖𝙘𝙘𝙞𝙖𝙢𝙤 𝙪𝙣 𝙥𝙪𝙗𝙗𝙡𝙞𝙘𝙤 𝙖𝙥𝙥𝙚𝙡𝙡𝙤 𝙖𝙥𝙚𝙧𝙩𝙤, 𝙪𝙣𝙞𝙩𝙖𝙧𝙞𝙤 𝙚 𝙥𝙤𝙥𝙤𝙡𝙖𝙧𝙚:

• LIBERTÀ RICONOSCIUTE IN ITALIA, CON RILANCIO DELLA SANITÀ PUBBLICA DI PROSSIMITÀ E TERRITORIO, CON RICERCA E MEDICINALI IN ALTERNATIVA A GREEN PASS E OBBLIGO VACCINALE, PER SUPERARE L’ESITO DISASTROSO DELLA GESTIONE DELLA “PANDEMIA” DEI RECENTI GOVERNI.

• RICOSTRUZIONE DEL PAESE PARTENDO DALL’ITALIA CHE LAVORA (DIPENDENTI PUBBLICI E PRIVATI, AUTONOMI E PROFESSIONI) CON RILANCIO DEL RUOLO PUBBLICO E DELLA PROGRAMMAZIONE DELLO STATO, SALARIO MINIMO E LOTTA ALLE PRIVATIZZAZIONI. TUTELA ASSOLUTA DEI BENI COMUNI, DEMANIALI E AMBIENTALI.

• LOTTA ALLA CORRUZIONE E ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA PER UNA GIUSTIZIA VERA E RAPIDA.

• RISPETTO INTEGRALE DELL’ART.11 DELLA COSTITUZIONE PER UNA ITALIA SOVRANA, LIBERA E INDIPENDENTE, FUORI DALLA NATO E DALLA UE.

• 𝘊𝘖𝘚𝘛𝘙𝘜𝘐𝘈𝘔𝘖 𝘛𝘜𝘛𝘛𝘐 𝘈𝘚𝘚𝘐𝘌𝘔𝘌 𝘜𝘕𝘈 𝘎𝘙𝘈𝘕𝘋𝘌 MANIFESTAZIONE NAZIONALE 𝘝𝘐𝘈 𝘐𝘓 𝘎𝘖𝘝𝘌𝘙𝘕𝘖 𝘋𝘙𝘈𝘎𝘏𝘐.